ESTATE: LE 5 COSE CHE AMO DI PIÙ
Su di me

ESTATE: LE 5 COSE CHE AMO DI PIÙ

L’estate si sa, c’è chi la ama e chi la odia. Chi la aspetta con ansia e chi prenota al polo nord per viverla il meno possibile.

A volte sentiamo lamentele sul troppo caldo, sulle grandi sudate fatte.

Molte mamme tremano all’avvicinarsi dell’estate: come fare 3 mesi con la scuola chiusa?

Eppure ci hanno provato in tantissimi a farmela odiare, ad elencarmi tutti gli aspetti più negativi. In tanti hanno aspettato una mia debolezza, un mio cedimento. Ma niente. La verità è che io l’estate la amo infinitamente e sarebbe un sogno per me viverla 365 giorni l’anno.

Qui, adesso, voglio svelarvi le cinque cose dell’estate che amo di più (ma in realtà l’elenco sarebbe molto più lungo).

  1. LE LUNGHE GIORNATE 

A quanti capita di desiderare che un giorno duri 30 ore invece che 24? Secondo me in estate il nostro desiderio viene un po’ esaudito. A voi non capita mai di perdere la cognizione del tempo in estate? A volte mi ritrovo a guardare l’orologio e accorgermi che sono già le otto di sera. Ma male di poco, ancora c’è il sole. Basta solo slittare l’orario della cena ed ecco che la giornata è stata sicuramente più lunga e intensa di una invernale.

E poi, secondo molti studi scientifici, più ore di luce aiutano a migliorare sia il nostro umore che la nostra salute.

Quindi via, tutti fuori casa a goderci la salutare luce naturale estiva.

  1. L’ABBIGLIAMENTO

Sveglia invernale: abbina maglione, maglietta, pantaloni, scarpe, giacchetto, sciarpa, cappello e borsa. 10 kg in più e pronta ad uscire.

Sveglia estiva: infila su il primo vestitino colorato che trovi nell’armadio, un sandalo e una bella borsa. Leggera come una farfalla e pronta per uscire in 25 secondi netti.

Ammettetelo, l’abbigliamento estivo è decisamente più comodo, pratico e funzionale. Senza considerare le lavatrici che si risparmiano. Una lavatrice estiva equivale a dieci lavatrici invernali, a parità di cambi ovviamente.

  1. IL CIBO

Tendenzialmente il cibo lo amo sempre e comunque. Chi mi conosce sa che è molto meglio farmi un regalo, piuttosto che portarmi fuori a cena. Ma la semplicità inversamente proporzionale alla bontà dell’estate mi fa impazzire.

Frutta e verdura decisamente più variegata e saporita. Zucchine, melanzane, pesche, ciliegie…e potrei continuare per ore.

E la squisitezza di una pasta al sugo fatta usando i pomodori freschi? Che non manchi mai il basilico mi raccomando!!!

Insomma, per la buona forchetta che sono, l’estate mi da veramente modo di sbizzarrirmi. Dal riso freddo (rigorosamente con maionese) alle paste fredde, dalle mega insalatone ai mega panini farciti.

Senza ovviamente dimenticare il fatto che ogni ora è buona per un bel gelato. D’estate me ne mangerei dieci al giorno.

  1. IL MARE

Sotto questo punto di vista mi sento una privilegiata. E sì, avete tutto il diritto di invidiarmi.

Abitando in un paese di mare ho la possibilità di “mettere i piedi in bagno” ogni volta che ne ho voglia. Mi bastano cinque minuti a piedi per raggiungere la spiaggia più vicina.

Da quando è nato Diego, ma soprattutto da quando il mare è l’unica cura efficace per la sua dermatite atopica, non vediamo l’ora arrivi il caldo per passare in spiaggia tutte le nostre mattine.

Partiamo carichi di “bagagli”, tra giochi, asciugamani e cambi. Ma una volta arrivati ci sembra ogni giorno di vivere una piccola mini vacanza.

Il mare mi rigenera, mi rilassa e mi fa affrontare meglio il resto della giornata lavorativa. Senza non potrei davvero vivere.

  1. LA COMPAGNIA

L’inverno porta tendenzialmente a chiuderci nelle nostre case. Uscire per una cena fuori, per un aperitivo, ma anche solo per una passeggiata, con il freddo diventa difficile e spesso respingiamo l’idea. Ci accoccoliamo sui nostri divani con i riscaldamenti a massimo e lasciamo scorrere le nostre giornate in solitudine.

Ma con l’estate ci si sveglia dal letargo e si ha voglia di uscire e vedere gente. Si riprendono i contatti con gli amici e ogni scusa è buona per una bella birra ghiacciata, un gelato o una pizza in compagnia.

Insomma, con l’estate anche i più “orsi” prendono coraggio e escono all’aperto a scambiare due chiacchiere.

Come avrete capito, l’estate rinasco a nuova vita e niente e nessuno potrebbe mai farmi cambiare idea. Quando arriva ottobre sono lì che preparo il countdown per l’estate che verrà.

Il mio sogno? Ma ovviamente trasferirmi in un paese dove sia estate tutto l’anno. Tornerei solo per le due settimane di Natale, perché quei giorni preferisco viverli al freddo di casa mia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto